IL MIO BREVE VIAGGIO CON PINO DANIELE

Pino DanieleDI FLORIANA LA ROCCA

Nell’aeroporto di Nizza aspettavamo il volo per Roma. Avevamo partecipato ad una trasmissione per Telemontecarlo,” Un peu d’amour, d’amitié et beaucoup de musique” condotta da Jocelyn e sua moglie Sophie, e c’eravamo divertiti.
“Napule è”, cantavi; io “Stavolta no”. La casa discografica EMI promuoveva i suoi artisti … Due vite diverse, le nostre, per ritrovarsi da ragazzi su un binario ad un certo punto diviso in due. Due persone, due percorsi.
Oggi, nel mio pianoforte c’è un tasto che non suona. E’ muto, sordo, interrotto. Siamo entrati in contatto, caro Pino, e quel giorno a Nizza sarà impossibile dimenticarlo: con gli occhi lucidi mi raccontasti come fosse dura la vita nel porto di Napoli a scaricare cassette; i pochi soldi che avevi non ti sarebbero bastati, e la tua ragazza aspettava un bambino. Penso che più d’ogni altra cosa, nel confessare i propri dolori e disagi, esista un’intimità inconfrontabile che ha in sé l’eternità.
Questo è ciò che di te mi porterò dentro, assieme all’autenticità di una comunicazione che attraverso musica e testi ha conquistato il cuore del tuo pubblico.

in collaborazione con Alganews

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...